Pyrtec

Caldaia con focolare sotto­ali­mentato da 390 a 1.250 kW

Combi­nando la griglia mobile con il collaudato focolare e la griglia esterna a caduta, la Pyrtec unisce in modo ottimale i vantaggi della combus­tione a griglia mobile con il sistema di alimen­ta­zione dal basso. Una coclea alimenta il combus­tibile ligneo nel focolare dell’impianto di riscal­da­mento a legna, dove viene pre-essiccato. Sulla griglia esterna e sulla griglia mobile avviene la completa degas­si­fi­ca­zione del combus­tibile. I gas sviluppati vengono poi bruciati con un’immissione controllata di aria secon­daria.

Caldaia con focolare sottoalimentato Pyrtec

Massima qualità nel design e nella costru­zione


Combus­tibili:
Pellet di legno
Cippato di legno
Trucioli di legno e legno misto

La combi­na­zione tra la griglia mobile, il collaudato focolare e la griglia esterna a caduta, unisce in modo ottimale i vantaggi della combus­tione a griglia mobile con il sistema di alimen­ta­zione dal basso.

Combus­tione pulita ed efficiente

La tecno­logia di combus­tione della Pyrtec permette di raggi­ungere bassi valori di emissione (soprat­tutto per CO e NOx). Il funzio­na­mento con regola­zione modulante della potenza e sistema di combus­tione ottimizzato consente un rendi­mento fino al 92 percento.

Struttura e funzio­na­mento

La Pyrtec è una caldaia a legna di alta qualità, indicata per condi­zioni di impiego molto complesse (elevata flessi­bilità nell’utilizzo del combus­tibile da M10 a M50). Il focolare è rivestito con mattoni refrattari pressati e cotti, ad alto contenuto di allumina per una maggiore durata. Tutti gli elementi della griglia sono realizzati in acciaio fuso cromato ad alto spessore e possono resistere anche ad alte tempe­rature. La caldaia a legna Pyrtec è carat­te­rizzata da uno scambiatore di calore a tre giri di fumo per il massimo trasfe­ri­mento di calore e la massima efficienza.

Regola­zione della caldaia

La regola­zione della caldaia è comple­ta­mente programmabile tramite la regola­zione modulante della potenza e dell’impianto. Oltre a gestire tutti i venti­latori a velocità variabile e l’attivazione del dispo­sitivo per il carica­mento del carbu­rante, monitora:

  • la tempe­ratura di mandata e di ritorno della caldaia a legna
  • le cellule fotoelett­riche del sistema di alimen­ta­zione
  • il sensore di pressione per una pressione negativa affidabile
  • la tempe­ratura dei fumi
  • il sensore del focolare (limite superiore della tempe­ratura)
  • il contenuto di ossigeno dei fumi (sonda lambda)

Esecu­zione e taglie di potenza

Tipo Range di potenza*
Pyrte